Questa settimana faremo la conoscenza del Nerello Mascalese, vitigno siciliano tipico delle pendici dell’Etna: è quello prodotto da Cantine Nicosia, azienda di Trecastagni (Catania), il protagonista della nostra degustazione. Questo vino è solo uno dei tanti realizzati dalla cantina a partire da uve in gran parte autoctone, che ben rappresentano il ricco patrimonio enologico della Sicilia.

Per la produzione della bottiglia oggetto di degustazione, caratterizzata dalla denominazione Indicazione geografica tipica Terre Siciliane, vengono impiegate uve Nerello Mascalese in purezza, coltivate su suoli composti da sabbie vulcaniche e minerali, posti a circa 700 metri sul livello del mare ed esposti a sud-est; i vigneti, coltivati a contro-spalliera con cordone speronato, godono di un clima temperato con forti escursioni termiche tra il giorno e la notte, ed hanno una resa di 60 quintali per ettaro vitato.

La vendemmia ha luogo intorno alla metà di ottobre, quando i grappoli sono ben maturi, per essere lavorati in cantina. Alla pigiadiraspatura segue la macerazione in recipienti di acciaio inox, all’interno dei quali il mostro svolge anche la fermentazione alcolica a temperatura controllata; dopo un massimo di 10 giorni, il vino comincia la fermentazione malolattica e, sempre negli stessi contenitori d’acciaio, si registra la stabilizzazione del vino, che precede l’imbottigliamento. Prima di essere messo in commercio con la gradazione di 12,5% vol, il vino affina ulteriormente in bottiglia per circa 2-3 mesi.

Stappiamo il Nerello Mascalese Terre Siciliane Igt un’ora prima di consumarlo, e versiamolo in ampi calici a tulipano alla temperatura di servizio di 18° C. Il colore è rosso rubino non troppo intenso, con riflessi porpora e violacei.

Avvicinando il bicchiere al naso è possibile percepire dapprima sentori di fiori scuri, frutti rossi quali ciliegie, amarene, more, mirtilli e pesche, in seguito aromi lievemente speziati, di frutta sotto spirito e note di banana. In bocca è armonico, moderatamente rotondo, di media struttura e buon corpo, con tannini morbidi e per nulla invadenti; asciutto con una punta di freschezza, possiede un finale discretamente persistente dal retrogusto leggermente fruttato.

Il Nerello Mascalese di Cantine Nicosia si abbina bene ad antipasti a base di salumi non troppo stagionati e formaggi saporiti, pasta al sugo, primi piatti a base di ortaggi, risotti, sformati, cous cous con pollo, carni bianche in umido e carni rosse alla brace. Questo vino si presta ad un moderato invecchiamento in cantina. Alla salute!