Nasce a Figline Valdarno, in provincia di Firenze, “Casagrande”, il Chianti Docg che andremo a degustare questa settimana: prodotto da Fattoria Casagrande, storica tenuta immersa nella campagna toscana e circondata dai vigneti, si tratta di un vino caratteristico non solo di tale area geografica, ma anche della produzione enologica toscana.

Il Chianti, infatti, è uno dei vini che meglio rappresentano questa regione, ma siamo anche al cospetto di uno dei prodotti che meglio rappresentano l’Italia del buon bere in tutto il mondo. Quello realizzato da Fattoria Casagrande è un Chianti Docg generato da uve per la maggior parte di tipo Sangiovese, in minor misura Canaiolo. I vigneti sono situati sulle colline dell’Alto Valdarno, a 300 metri sul livello del mare, e coltivati con la tecnica del cordone speronato.

La vendemmia avviene intorno agli inizi del mese di ottobre, quando le uve vengono raccolte manualmente, selezionate e portate in cantina per essere sottoposte a diraspamento e pigiatura soffice. Il mosto rimane a contatto con le bucce, in fermentini di acciaio inox, per circa 18 giorni, al fine di permettere al vino di svolgere le fermentazioni alcolica e, successivamente, malolattica. Dopo essere stato assemblato ed aver maturato per alcuni mesi in recipienti di acciaio, il vino è imbottigliato e fatto affinare per tre mesi prima di essere messo in commercio con la gradazione di 13% vol.

Stappiamo il “Casagrande” un’ora prima di consumarlo, e versiamolo in calici a tulipano dall’apertura media, alla temperatura di servizio di 18° C.

Oscillando il vino nel bicchiere, noteremo un colore rosso rubino intenso, con lievi riflessi aranciati. L’esame olfattivo restituirà sentori floreali, soprattutto di viola mammola, ma anche aromi di piccoli frutti rossi, frutti di bosco e frutta sotto spirito. Portando il vino in bocca sarà possibile percepirne la rotondità, la buona struttura e l’equilibrio; di medio corpo e asciutto, con una trama tannica ben integrata, possiede un finale persistente, con un retrogusto lievemente fruttato.

Gli abbinamenti enogastronomici per questo Chianti Docg di Fattoria Casagrande sono svariati, ma sono consigliati quelli rappresentati da salumi e formaggi di media stagionatura, primi piatti sostanziosi, risotti, carni rosse alla griglia e in umido, fegatini, torte rustiche con formaggio e prosciutto. Si presta ad un invecchiamento in cantina non troppo lungo, con la bottiglia coricata al buio. Alla salute!