Vino e formaggio è un’accoppiata alla Bonnie e Clyde. I formaggi, infatti, grazie alla decomposizione della caseina, attenuano la percezione dei tannini e delle componenti acide del vino. Questo non significa però che tutti i vini vanno bene con tutti i tipi di formaggio. Ecco, allora, qualche suggerimento per fare la scelta giusta!

I formaggi freschi, come la mozzarella, la robiola, la crescenza, ecc. sono caratterizzati da una certa morbidezza al palato e da un’accentuata acidità. L’abbinamento perfetto è quindi con i vini che puliscono la bocca, non troppo aromatici, né eccessivamente acidi come i bianchi o i rosati giovani e morbidi (es. Verdicchio, Soave, Greco di Tufo, Falanghina, Champagne, ecc.)

I formaggi di media stagionatura, come l’emmenthal, l’asiago, il caciocavallo, il taleggio, il quartirolo, la caciotta, ecc. hanno una maggiore consistenza al palato, oltre che un sapore e un profumo più deciso. Vanno abbinati, perciò, a vini bianchi o rossi di media struttura come il Barbera, il Bardolino, il Lambrusco o Trebbiano d’Abruzzo.

Abbinamento vino e formaggi: pecorino

Il pecorino rientra nella casistica dei formaggi a pasta dura e stagionati, che richiedono vini rossi di grande struttura, dal profumo abbastanza intenso e molto equilibrati come il Chianti, l’Aglianico, il Brunello, ecc.

Abbinamento vino e formaggi: parmigiano

Anche il parmigiano è un formaggio di lunga stagionatura come il pecorino e quindi richiede l’abbinamento con grandi vini corposi, come ad esempio il Sangiovese.

Passito e formaggio

I formaggi dal sapore pungente e forte, come il Gorgonzola o gli altri formaggi erborinati (Roquefort, Stilton, ecc.), si abbinano magnificamente con i vini dolci aromatici (es. Passito), ma anche con i vini liquorosi (es. Marsala o Porto).